Loading
18 Nov 2014

1222
In Blog by Guest

Al via il ciclo di workshop organizzati dall’Autorità Portuale di Taranto e la Regione Puglia verso il Master Plan per per il trasporto e la logistica sostenibile.

Dal 27 Marzo p.v., l’Università degli Studi “Aldo Moro” - Ex Caserma Rossarol di Taranto ospiterà il ciclo di giornate di approfondimento e studio che l’Autorità Portuale di Taranto ha attivato in qualità di soggetto attuatore della Regione Puglia nell’ambito del progetto GIFT 2.0 finanziato a valere sui fondi del progetta di cooperazione transfrontaliera Grecia-Italia 2007/2013.

Sei i workshop e cinque i temi di approfondimento sui temi della politica europea dei trasporti: le facilities sviluppate con il progetto GIFT 2.0 “Greece Italy Facilities for Transport and Logistics 2.0”, la politica definita dal CEF - Connecting Europe Facility, le reti di trasporto trans-europee (TEN-T) e il ruolo dei sistemi portuali, il “Core network TEN-T”: focus sul corridoio Scandinavo-Mediterraneo ed il ruolo dell’Autorità di Regolazione dei Trasporti.

Gli interventi tecnici del primo workshop dal titolo: “La politica europea in materia portuale e dei trasporti” saranno svolti dal Prof. Avv. Maurizio Maresca Ordinario di Diritto dell’UE - Università di Udine, dal Dr. Mario Valducci Autorità di Regolazione dei Trasporti, dal Prof. Avv. Sergio Prete Presidente Autorità Portuale di Taranto e dall’Ing. Francesco Pettinato Ricercatore dell’Università del Salento ed ideatore della piattaforma GIFT 2.0 incardinata sul sito http://mobilita.regione.puglia.it/. Le conclusioni spettano all’Assessore alle Infrastrutture e Mobilità della Regione Puglia Giovanni Giannini che spiega: “ il percorso che la Regione Puglia sta svolgendo attraverso l’utilizzo dei fondi europei è finalizzato saturare le infrastrutture esistenti attraverso l’innovazione tecnologica: la piattaforma GIFT 2.0 è il primo risultato tangibile, valido per mezzi e passeggeri e basato sulla gestione pubblica dei dati”.

GIFT 2.0 è un progetto di ampio respiro che coniuga la necessità di innovazione tecnologica con la realizzazione di casi pilota per merci e passeggeri replicabili nei 27 hub identificati dal progetto e finalizzati a dimostrare che sia possibile la mobilità transfrontaliera di merci e persone. “Fondamento dell’innovazione è la formazione ed informazione per questo – spiega Enrico Campanile dirigente dell’Ufficio Grandi Progetti e Logistica della Regione Puglia - il progetto GIFT 2.0 prevede due target i giovani laureati e gli addetti ai lavori”.

Infatti, l’Università del Salento e l’Università di Patrasso hanno attivato il primo Master Internazionale in Logistica e Trasporti destinato a 20 laureati che si concluderà a Settembre 2015, mentre l’Autorità Portuale di Taranto si occupa di formare ed informare gli addetti ai lavori al fine di maturare la consapevolezza delle potenzialità di mercato percorribili con la diffusione della smart logitsic. Gli atti delle giornate confluiranno nel Master Plan per il trasporti e la logistica con cui l’Autorità Portuale di Taranto contribuirà alla redazione del Piano Regionale dei Trasporti.